martedì 22 maggio 2018

RIFLESSIONI NOTTURNE. LA ONOREVOLE CIRINNA' E LO STATO DELLA SANITA' IN ITALIA


L'ex presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, operato d'urgenza al cuore un mese fa all'ospedale San Camillo di Roma, è tornato a casa. Mi fa piacere. Auguri!
Quando se n'è data notizia su Sky, la onorevole Monica Cirinnà del Pd - che partecipava a un dibattito sulla situazione politica - ha commentato: E' la prova che la sanità italiana è di altissima qualità. 
Vero, niente da eccepire. Ci sono aree di eccellenza assoluta. Ma ce ne sono altre in cui il diritto dei cittadini alla salute e all'accesso ad una sanità universale ed equa è negato. Le cronache portano continuamente all'attenzione della pubblica opinione episodi di inefficienza, di malasanità. 
Vorrei porre una domanda alla onorevole Cirinnà: quanti cittadini, colpiti dalla stessa patologia del presidente Napolitano, hanno la possibilità di farsi operare dal prof. Francesco Musumeci
Una sanità, per essere eccellente, ha bisogno di avere strutture e professionalità eccellenti distribuite su tutto il territorio nazionale. Fin quando questo non avverrà, continueranno i viaggi della speranza al Nord, intasando le liste d'attesa. Al Nord, dove peraltro la presenza di sanitari provenienti dal meridione è abbastanza consistente.
Le statistiche dicono che la Lombardia importa da altre regioni 161.000 pazienti l'anno e vanta un credito di 808,6 milioni di euro (un vero business, penso); all'opposto la Calabria è in rosso per 319 milioni. A seguire, in questa black list, la Campania che deve saldare prestazioni per 302 milioni fuori dai propri confini, e il Lazio che la tallona a quota 289 milioni. Possibile che la onorevole Cirinnà non ne sia informata?

domenica 20 maggio 2018

RIFLESSIONE NOTTURNA. VITA DA CANI, SPAPARANZATI SUL LETTONE

L'altro giorno il Corriere della sera ha pubblicato un lungo articolo, a firma Margherita De Bac, dal titolo "Vita da cani (tra le lenzuola)". Alcuni dati pubblicati mi sembrano interessanti: 60 milioni di animali da compagnia - cani, 7 milioni, e gatti, 7 milioni e mezzo - sono presenti nelle case degli italiani; il 58 per cento degli italiani possiede un animale da compagnia, il 20 per cento ne ha due. Tralascio quelli che riguardano alimentazione, vaccinazioni, cure mediche, che hanno costi non irrilevanti. 
Il 50 per cento dei cani - scrive Margherita De Bac - dorme con i padroni. Già, perché "s'è rovescìato il meraviglioso mondo degli animali domestici". Altro che cuccia! Il letto, accanto ai padroni, è sicuramente più comodo e confortevole. 
Chiedetelo alla mia piccola Chanel!

RIFLESSIONI NOTTURNE. L'ADDIO DI GIANLUIGI BUFFON E LE ESAGERAZIONI NEI GIUDIZI SUI CALCIATORI


Io non mi permetto di giudicare un atleta per quello che fa nella vita privata (vale per Buffon come per gli altri). Fatti suoi. Se sbaglia, contravviene alle regole, ci sono organismi apposta per i provvedimenti conseguenti. 
Ciò chiarito, dico che Gianluigi Buffon è stato un grande portiere. Anzi, grandissimo. Non "il più grande portiere della storia del calcio", come vorrebbe qualcuno. Ce ne sono stati altri, eccome che ci sono stati. Ne cito soltanto due: Yachin e Zamora. Potrei aggiungerci  (tra gli italiani) Bacigalupo (morto troppo presto, nella sciagura di Superga), Sentimenti IV, Albertosi, e così via. Ma, mi domando, come si fa a mettere a confronto atleti vissuti in epoche diverse, che hanno giocato un calcio diverso, su campi che erano diversi - dalla terra battuta si è passati al manto erboso, ora anche all'erba sintetica - , con scarpe diverse? Dalle scarpe di cuoio a caviglia alta,  pesanti, si è passati ad eleganti scarpini, firmati e sponsorizzati. E poi i palloni: che erano a pannelli sagomati incrociati e cuciti, con camera d'aria, che se te ne arrivava uno in faccia finivi dritto all'ospedale.  Oggi sono termosaldati, perfettamente sferici e non aumentano di peso impregnandosi d'acqua in caso di pioggia.
Ricordo che i terreni di gioco erano così duri da costringere i portieri a indossare ginocchiere, a proteggersi con spessi maglioni di lana. Di lana erano  le maglie degli altri calciatori. Ora si usano quelle di poliestere, a tecnologia avanzata,  capaci di far traspirare il sudore e il calore del corpo
Evitiamo esagerazioni, perciò. Non esiste "il più grande portiere della storia del calcio", non esiste "il più grande calciatore della storia". Le valutazioni sono sempre soggettive e, ahinoi!, non dimostrabili.

sabato 19 maggio 2018

RIFLESSIONI NOTTURNE. MAGGIO, PRELUDIO DELL'ESTATE


Mi sveglio [non ora, alle 6.30], tiro su la persiana: il sole è appena spuntato dietro le case di Mercatello. Si annuncia una splendida giornata. Una di quelle che non sai se è meglio trascorrerla al mare o in campagna. Fate voi.
Mi viene in mente un vecchio proverbio: “Maggio fa belle ‘e figliole e po’ giugno s’ ‘e gode ô sole” [sarebbe giugno, insomma, a beneficiarne]. Giugno, che è fatto di tanti sguardi, ammirati o concupiscenti, come quello delle lucertole appena uscite dal letargo. Non il mio, mannaggia!, appannato dall'età veneranda [si dice così, no?] e dalla cataratta.
Del resto, si sa: “Quanno maggio trase [e ormai stiamo ben oltre la metà del mese] ‘e vase songo comme ‘e cerase” [hai una voglia matta di mangiarne a iosa, una tira l'altra].
Auguri!

giovedì 17 maggio 2018

RIFLESSIONI NOTTURNE. FACEBOOK, GRAMELLINI E LE SUORE DI CLAUSURA


Massimo Gramellini, nella sua consueta rubrica sul Corriere della sera, sotto il titolo "Suor Facebook", ironizza pesantemente sul fatto che le suore di clausura possano usare i social network anche se dovranno farlo - avverte una disposizione della Santa Sede - "con sobrietà e discrezione". Cosa che peraltro già avviene. 

Tra le mie "amicizie" su Facebook ci sono le Monache di clausura di un paese vicino alla mia residenza. Leggo i loro post su "spiritualità, gioia, sorriso, preghiera" che le contraddistinguono, sulle funzioni religiose, le attività educative e umanitarie svolte, cerco di far miei i loro inviti alla preghiera. 
Ogni volta che vado sulla pagina Facebook di queste suore scopro motivi di sostegno al mio essere credente: come quando leggo l'invito a trovare "la forza di amare sempre più, il coraggio di osare anche controcorrente, la dolcezza di perdonare senza misura, la fede che tutto spera e mai resta delusa". Niente a che vedere con le situazioni sulle quali si sofferma la satira di Gramellini. 
Queste suore non sono estrapolate dal mondo, "isolate in uno spazio chiuso senza rapporti diretti con l'esterno". Affacciano il loro sguardo sul mondo, ne percepiscono i bisogni, le difficoltà, i guasti, le ingiustizie, soffrono per le guerre, le violenze che lo attraversano, ne fanno oggetto delle loro suppliche. Perché la preghiera è il cardine deĺla nostra vita, attraverso la preghiera si trasmettono a Dio i nostri desideri, i nostri bisogni.
Oggi, alla Vita in diretta su Rai1, ho ascoltato la testimonianza del padre di una giovane che, dopo essersi laureata, ha scelto, quindici anni fa, di diventare trappista nella comunità di Vitorchiano.
Trovo significativo, e meritevole di attenta riflessione, il post delle Carmelitane di Hondarribia, in Spagna, a proposito di uno stupro avvenuto a Pamplona. "Noi viviamo in clausura - hanno scritto -, portiamo un abito quasi fino alle caviglie, non usciamo di notte, non andiamo a feste, non assumiamo alcol e abbiamo fatto voto di castità. Questa è una scelta che non ci rende migliori né peggiori di chiunque altro, anche se paradossalmente ci renderà più libere e felici di altri. E perché è una scelta libera, difenderemo con tutti i mezzi a nostra disposizione (questo è uno) il diritto di tutte le donne a fare liberamente il contrario senza che vengano giudicate, violentate, intimidite, uccise o umiliate per questo". Una lezione di stile, di civiltà, di modernità oso dire. Dalla quale emerge piena conoscenza, e grande sensibilità, rispetto agli accadimenti del mondo. 
Altro che le battute sarcastiche e irriverenti di Gramellini!

mercoledì 16 maggio 2018

RIFLESSIONI NOTTURNE. SALVINI, DI MAIO E IL LORO TENTATIVO DI FORMARE IL GOVERNO

Da quando esiste il mondo, credo, la vita dell'essere umano è indirizzata al dominio sull'altro e sugli altri. Avvenne con Eva [altro che sesso debole!] nei confronti di Adamo, con Caino a danno di Abele. Poi la storia, scorrendo attraverso i millenni, ha fatto il resto. Questo vale nella famiglia, nella società, negli affari. Figuriamoci in politica. 

Chi decide di impegnarsi nella vita pubblica è mosso da ambizione, voglia di potere ('o cummannà è meglio d' 'o fottere, si è sempre detto), mera autoesaltazione. Spesso, da interesse (di appartenenza o addirittura personale). E' inutile fingere di non capirlo. Non escludo che qualcuno lo faccia per spirito di servizio. Ci mancherebbe!
Matteo Salvini e Luigi Di Maio - più di sedici milioni di voti, in totale, alle elezioni del 4 marzo - non rappresentano l'eccezione alla regola. Ma nelle stanze dei bottoni ancora non sono entrati. Ridicolizzarli o, peggio, criminalizzarli per lo sforzo, che stanno compiendo, di mettersi insieme per dar vita a un governo non mi sembra corretto. Aspettiamo che ci riescano (se ci riusciranno). E giudichiamoli per quello che saranno capaci di fare (o non riusciranno a fare). 
Si dice in modo dispregiativo che siano espressione dell'antisistema. Che vogliano, cioè, rovesciare le strutture e le basi del sistema sociale e statuale (quello che in Italia privilegia le lobby economico-finanziarie e pesa sulle classi più deboli della società). 
E' inaccettabile che a muovere i fili siano soltanto Matteo Renzi e il "riabilitato" Silvio Berlusconi. Se si fa strada un elemento di novità nel panorama stagnante della politica io - che non ho votato per la Lega e neppure per il M5S - sono disposto ad accoglierlo quantomeno con curiosità. Non invoco san Paolo [protettore dai morsi dei rettili] se prima non ho visto la serpe.

lunedì 14 maggio 2018

RIFLESSIONI NOTTURNE. LA TRAGEDIA PALESTINESE E IL MONDO CHE STA A GUARDARE

Ė vergognoso, inaccettabile, atroce che il popolo israeliano, che ha sofferto l'olocausto, e che per questo ha meritato la solidarietà di tutto il mondo, si renda responsabile di atti di violenza nei confronti di un altro popolo, quello palestinese, che reclama il suo diritto ad avere una patria, un territorio non colonizzato, una propria sicurezza. Una propria dignità. Non si può rispondere con la forza militare a chi non ha altre armi che le pietre. Non si può, non si deve, è criminale uccidere donne e bambini. Ĺa decisione americana di trasferire l'ambasciata a Gerusalemme è una provocazione, tesa a peggiorare una situazione già esplosiva. 
L'Onu, la UE, le grandi potenze mondiali - quelle del G7 - stanno a guardare.