domenica 15 aprile 2018

RIFLESSIONI NOTTURNE. LA BELLEZZA FEMMINILE ATTRAVERSO IL TEMPO

I canoni della bellezza femminile sono mutevoli, come le stagioni. Fin dalla notte dei tempi. Forse da quando Eva offrì da morsicare ad Adamo la mela, con la conseguenza che furono cacciati dal Paradiso terrestre. E’ un concetto che mi trova d’accordo. 
Faccio qualche esempio. La Venere di Milo è diversa da quella di Botticelli. Gina Lollobrigida, all’epoca del suo massimo splendore (ricordo di averla vista a Ravello, quando si girava Il tesoro dell’Africa: roba da far mancare il fiato) era diversa da Jennifer Jones, che pure lavorava in quel film, e ancor più da Elisabeth Taylor (che ebbi modo di incrociare, una volta, nella piazza di Amalfi).
Marylin Monroe, che per la mia generazione ha rappresentato il massimo del sex appeal, diceva. “Ho sognato di diventare tanto bella da far voltare le persone che mi vedevano passare.” Come puntualmente avvenne.
Poi alla donna in carne s’è sostituita quella filiforme, imposta dalla moda. Mentre oggi si ricorre alla chirurgia estetica per rimodellare  linee e forme con botulino e silicone. La donna “genuina, verace” cede il posto quella… “restaurata”. 
Ecco qui due ragazze d’inizio Novecento: cugine, si chiamavano entrambe Consolina Santero. Una salernitana (a destra), l’altra parigina (a sinistra). Un duplice esempio di grazia, di stile,  di raffinata eleganza per quel tempo.

RIFLESSIONI NOTTURNE. GUIDO DA VERONA E LE BELLE SARTINE D'ITALIA

Sorpresa! Dalle carte ammucchiate in una soffitta viene fuori questo libro di Guido Da Verona, "Lettera d'amore alle sartine d'Italia", rosicchiato, ammuffito, finito lì chissà quando e come. 
L'autore, di famiglia ebraica, assolutamente non veronese, fu di moda nei primi decenni del Novecento. Nei suoi romanzi - scrive la Treccani - "tradusse in libertine avventure di una società mondano-borghese, e in nostalgici languori d'un nomadismo decadente, l'ideale eroico e superomistico del D'Annunzio", di cui fu seguace, tanto da aggiungere quel "DA" tra nome e cognome in omaggio al Vate. 
Le "belle sartine d'Italia" le definiva "fiore d'ogni fiore"
A proposito: ce ne sono ancora? O appartengono a un mondo lontano, distrutto dal consumismo, scomparso finanche dalla nostra memoria?

sabato 14 aprile 2018

RIFLESSIONI NOTTURNE. TRUMP E I SUOI MISSILI "INTELLIGENTI"

Più che riflessioni, sono domande alle quali non riesco a dare risposta: 

- È possibile che Trump abbia lanciato i missili sulla Siria per distogliere l'attenzione dalle inchieste della giustizia americana a suo carico? 
- Perché non sono state rese pubbliche, se ci sono, le prove dell'uso di armi chimiche da parte del presidente siriano Bashar al-Assad?
- Perché non s'è atteso che gli specialisti dell'Opac (Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche), inviati sul posto, svolgessero le indagini per l'accertamento dei fatti? 
- E se il bombardamento di questa notte fosse nient'altro che un avvertimento a Vladimir Putin per altre vicende, come sostenuto dai russi? Mi riferisco all'avvelenamento dell'ex spia Sergej Skripal, che ha compromesso i rapporti tra Regno Unito e Federazione russa. Non mi fido delle dichiarazioni del primo ministro britannico, Theresa May.

Sono molti i dubbi che mi si affollano nella mente.

RIFLESSIONI NOTTURNE. NON SERVE, MA A VOLTE UN GESTO SCARAMANTICO TI VIENE SPONTANEO


E' vero. Da parecchi giorni non mi si vede in giro. Dalla vigilia di Pasqua, credo. Per una forma influenzale, male di stagione, con codicillo di tosse e altri piccoli acciacchi. 
Ringraziando il Cielo, sto bene. Decisamente meglio dell'anno scorso quando, proprio a Pasqua, ebbi un mancamento in chiesa, durante la messa, finendo dritto dritto all'ospedale.
Non mi si vede in giro, dicevo. Resto a casa, più per volere della famiglia che mio, per tutelarmi da una eventuale ricaduta. Tutto qui.
Mia moglie, al ritorno dalla spesa, ha incrociato oggi una signora che l'ha trovata... stanca. "Si vede - ha aggiunto - che state facendo le... nottate con vostro marito". Non si riferiva a... nottate di passione. Per quelle non c'è più l'età. Mi son fatto la convinzione, così, che la signora pensasse ad altro, a qualcosa di brutto. E non potendo reagire col gesto dell'ombrello - sono troppo educato -, appena ho saputo la cosa, m'è venuto spontaneo... toccarmi (per puro divertimento, come quando mi riempio le tasche di cornetti e amuleti: giuro però che non sono superstizioso). 
La signora stia tranquilla: domani ho in programma di uscire. Per recarmi a messa.

giovedì 12 aprile 2018

RIFLESSIONI NOTTURNE. VENTI DI GUERRA SPIRANO VERSO LA SIRIA


L'eclettico presidente degli Stati Uniti Donald Trump provoca Vladimir Putin, da poco riconfermato alla guida della Federazione russa: "I nostri missili stanno arrivando: belli, nuovi e intelligenti!". 
Forze navali ed aeree vanno ad affollare l'area a ridosso dei confini di Siria e Turchia. 
A Sigonella, nel catanese, i piloti dei caccia bombardieri americani sono già in stato d'allerta. Non si sa cosa succederà, c’è da sperare che la ragione prevalga. Che si evitino ulteriori carneficine in un paese devastato e ormai allo stremo.
Il governo Gentiloni non può andare oltre gli affari correnti. I partiti prendono tempo per mettersi d’accordo e dare, ammesso che si superino i veti incrociati, un esecutivo legittimato ad assumere decisioni impegnative. Di estrema gravità. Come quella – Dio non voglia! - di una partecipazione diretta al conflitto, annunciato dal capo della Casa Bianca con la stessa disinvoltura con la quale si gioca alla play station.
Mi viene da pensare, con nostalgia, a Bettino Craxi, presidente del Consiglio dei Ministri, che nella notte tra l’11 e il 12 ottobre 1985, in una situazione di crisi, conseguente all'abbordaggio della nave Achille Lauro da parte di terroristi palestinesi, entrò in rotta di collisione con Donald Reagan al punto da ordinare ai carabinieri di impedire prevaricazioni delle forze militari USA proprio nella base militare di Sigonella. Per poco non si arrivò a uno scontro armato tra la nostra Vigilanza Aeronautica Militare (VAM) e i Carabinieri, da una parte, e i militari della Delta Force (reparto speciale delle forze armate statunitensi). 
L'Italia, quella notte, senza rinnegare le sue alleanze, agì da paese sovrano. Altri tempi!

RIFLESSIONI NOTTURNE. L'INCONTRO DI CALCIO REAL MADRID-JUVENTUS: NOTE A MARGINE

Simpatizzo per il Napoli, che è la squadra della mia regione, ma non mi strappo le vesti quando le cose non vanno per il verso giusto. Vivo il calcio con un certo distacco, mi diverto a veder giocare bene. Ieri sera la squadra italiana mi ha divertito, essendo riuscita a rimontare tre gol. 

Quanto al rigore, vorrei che ci fosse l'onestà intellettuale di ammettere che c'era (anche se alla tv italiana, in particolare a Canale 5, hanno fatto vedere un'immagine di comodo). "E' rigore quando fischia l'arbitro", ammoniva Boskov, allenatore della Sampdoria, che era un saggio. All'ultimo minuto? Fa parte del gioco.
Ma pure se l'arbitro avesse sbagliato, come capita a volte sui campi di calcio, non giustifico la gazzarra e gli insulti. Un comportamento oltretutto diseducativo. Se succede a livello internazionale, figuriamoci quello che può accadere nei tornei dei dilettanti. Le style c'est l'homme, dicono i francesi. Ecco, è mancato lo stile (anche da parte di Andrea Agnelli, che se l'è presa col designatore Collina). Meglio uscire sconfitti con dignità che con la vergogna di essersi comportati da cazzerelluse, come eravamo noi ragazzi quando, ad Amalfi, tiravamo calci a una palla di pezza (nell'immediato dopoguerra: non avevamo di meglio) sul Lastricato.
Ieri sera la vaiasseide è stata avvilente.

RIFLESSIONI NOTTURNE: SULLA SANITA', A SALERNO E A MILANO

Ho seguito, su Rai 1, l'inchiesta sull'ennesimo scandalo nella sanità lombarda, sfociato in sei arresti: quattro primari, di due importanti ospedali milanesi, una dirigente e un imprenditore. Corruzione - l'accusa - con tutto quello che ne consegue. 
Ho sofferto le pene dell'inferno per una voluminosa ernia del disco, che m'aveva infiammato il nervo sciatico. Per un anno sono stato costretto a far uso delle stampelle. 
All'inizio del 2017 mi rivolsi a un noto neurochirurgo di Salerno, che neppure conoscevo, per tentare la via dell'intervento chirurgico. L'avrei fatto in una struttura privata, a pagamento. Me lo sconsigliò: il rapporto rischi e benefici non era vantaggioso per me. 
Mi venne subito l'idea di andare a Milano, forse sarei approdato a uno dei due ospedali che sono al centro dell'indagine. Meno male che non l'ho fatto. Seguendo il consiglio del neurochirurgo, che ringrazio per la professionalità, la correttezza, l'onestà, mi sono affidato al fisiatra e alla fisioterapia. M'è bastato scendere al piano ammezzato del palazzo dove abito. Ora non ho più dolore, cammino liberamente, senza fatica. 
Altro che Milano! Preferisco la nostra sanità, con tutte le sue inefficienze, i suoi limiti, ma ancora impregnata di sensibilità umana. Che vale più di una medicina.