domenica 4 settembre 2016

MADRE TERESA DI CALCUTTA: DA OGGI SANTA, NEL SEGNO DELLA MISERICORDIA


HAJE 'A VULÉ BENE
Haje ‘a vulé bene 
fino a quanno non te faje male,
e si te faje male
propio pe’ chesto è cchiù meglio.
Pecché te lamiente?
Si tu acciette ‘o patemiento
e l’uoffre a Dio, ne avarraie priezza.
‘O patemiento
è nu grusso riàlo ‘e Dio:
sulo chi l‘accetta,
chi vo’ bene co tutto ‘o core,
chi se offre isso stesso
sape quanto po’ valé.
Santa Teresa di Calcutta (© il napoletano è di Sigismondo Nastri)



PRIÉRA A MARIA
Maria, ca sì ‘a mamma ‘e Giesù Cristo,
damme ‘o core tujo,
accussì bello,
accussì lustro,
accussì limpio,
accussì chino d’ammore e ‘e umirtà:
famme addeventà capace ‘e ricevere a Giesù
dint’ ‘o pane d’ ‘a vita,
d’ ‘o vulé bene come ‘o vuliste bene tu
e d ‘ ‘o  servì, isso ca s’annasconne
sott’ ‘e panne  piatose d’ ‘o cchiù povero
e tutte ‘e puverielle.
Ammènne.
Santa Teresa di Calcutta (© il napoletano è di Sigismondo Nastri)



AMA ‘A VITA
Ama ‘a vita pe’ comm’è,
l’hê amà' assaje, senza pretese;
l’hê amà' quanno t’amano o quanno te odiano,
l’hê amà' quanno nisciuno te capisce
o quanno tutte te capisceno.
L’hê amà' quanno tutte te ‘nchiantano,
o quanno te ‘ncenzéano comme a nu ré.
L’ hê amà' quanno t’arrobbano tutte ‘e cose,
o quanno t’ ‘e riàlano.
L’ hê amà' quanno tène nu senso
o quanno pare ca nun serve cchiù a niente.
L’hê amà' quanno sì felice
o quanno staje sulo e abbandunato.
L’hê amà' quanno sì forte
o quanno te siente fùceto.
L’hê amà' quanno staje ‘npaura,
o quanno tiene nu curaggio ‘e lione.
L’hê amà' nun surtanto p’ ‘e gruosse piacere
e p’ ‘e sprupusitate suddisfazione;
l’ hê amà' pure p’ ‘e recrìe picccerille.
L’hê amà' perzì si nun te dà chello ca t’avarria dà.
L’hê amà' pure si nun è come tu ‘a vularrisse.
L’hê amà' ogne vota ca tu nasce
e ogne vota ca staje pe’ murì.
Nun amà' maje senz’ammore.
Nun campà' maje senza vita.
Santa Teresa di Calcutta (© il napoletano è di Sigismondo Nastri)






Nessun commento:

Posta un commento