giovedì 3 maggio 2012

LE MACCHINE DI LEONARDO DA VINCI IN ESPOSIZIONE A MAIORI


Sarà inaugurato sabato 5 maggio, alle ore 18,30, presso l’area del teatro di Palazzo Mezzacapo, a Maiori, il museo (itinerante) dedicato alle straordinarie macchine progettate da Leonardo da Vinci. Una iniziativa che è stato possibile realizzare grazie all'impegno  del Comune di Maiori e dell’Associazione “Il Genio di Leonardo” di Firenze, in collaborazione con la Proloco di Minori e l’Associazione Culturale “La Feluca”. Al visitatore è data la possibilità di vivere un'esperienza molto suggestiva, dove la percezione sensoriale e la conoscenza del genio leonardesco si sposano perfettamente, permettendo una piacevole immersione in un passato di straordinaria attualità. Oltre a rappresentare un valido strumento didattico e cognitivo, questa esposizione dà la possibilità di ammirare le macchine,  così come sono state progettate dal suo inventore e  ci sono state trasmesse dai suoi codici.
Un lavoro singolare, e nello stesso tempo imponente, eseguito a... regola d'arte, verrebbe da dire, dal momento che queste macchine, realizzate in legno, sono tutte funzionanti. Quindi, non semplicemente dei modelli. La loro  l'interattività  gioca un ruolo fondamentale.  Se il fine era il loro funzionamento,  non si poteva prescindere dalla esatta ricognizione di tutti i componenti del sistema e dal riconoscimento della sua logica complessiva. Questo ha obbligato a un lavoro di attenta ricerca fino alla conquista della chiave interpretativa dei procedimenti logico-mentali e degli aspetti comportamentali di Leonardo in quanto, come tutti sanno, i suoi disegni sono quasi sempre di difficile lettura. Questo tipo di lavoro ha portato, talvolta, a delle vere e proprie scoperte assolutamente degne di nota come nel caso della “Prova d’ala”, dell’aliante, della macchina volante con sistema a “bicicletta”. 
L’Associazione  “Il Genio di Leonardo” di Firenze, che s'è fatto carico di tutto questo, cura e promuove un museo itinerante negli Stati Uniti d’America, Cina, Slovacchia, oltre che nelle principali capitali europee, come Atene, Ankara, Istanbul, Vienna, Roma. Tra gli obiettivi perseguiti, quello di estendere la propria idea di come Leonardo debba essere presentato, mostrato e raccontato nel mondo e ai ragazzi delle scuole, per concorrere allo sviluppo di una cultura comune fondata sul concetto che l’uomo si chiama uomo quando costruisce, crea, e produce cose utili al servizio di tutti. 
La mostra rimarrà aperta fino al 31 ottobre 2012.

Nessun commento:

Posta un commento

Posta un commento