domenica 31 luglio 2016

STROPPOLE E FILASTROCCHE NAPULITANE: QUARTO GRUPPO

31) La filastrocca è legata a un gioco molto praticato, una volta, dai bambini. Ci si metteva in cerchio, con le mani chiuse a pugno, poggiate sul tavolo una sull’altra, in modo da formare una torre. Chi conduceva il gioco bussava sul pugno più basso:
- Tuppetuppe.
- Chi è?
- Ce sta don Nicola?
- No, cchiù ncoppa!
Passava quindi a quello immediatamente più su.
Tuppetuppe.
- Chi è?
- Ce sta don Nicola?
- No, cchiù ncoppa!
E così via, fino all’ultimo.
Alla fine la risposta era affermativa.
Tuppituppe.
- Chi è?
- Ce sta don Nicola?
- Sì.
- E ha fatto ‘a carrozza?
- Meza sì e meza no!
A questo punto, tutti in coro esclamavano:
E fernimmela ‘e scassà, e fernimmela ‘e scassà!
Facendo crollare la torre e battendo le palme delle mani sul tavolo.
"Anche noi lo facevamo - mi dice Gina D'Amato - ma la domanda era: tiene 'o pane? Il risultato era comunque lo stesso".

32) Questo era un gioco molto praticato dalle mamme. Prendendo una alla volta le dita della mano del bimbo/o della bimba, partendo dal pollice, dicevano in tono scherzoso:  
Chisto [pollice] dice: “Voglio magnà”
 Chisto [indice] dice: “Nun ce ne sta”
 Chisto [medio] dice: “Vallo a ‘rrubbà”
Chisto [anulare] dice: “Vance tu” 
 Chisto [mignolo] dice: “Voglio pane e  caso”.

33) Questa strofetta è in perfetto dialetto atranese. Non la conoscevo. Ringrazio Assunta Criscuoli e Nuccia Paolillo che me l’hanno segnalata.
Cantaro mio fetuso
t’aggio lavato e t’aggio strecato
e l’onna d’ ‘o mare te n’è pigliato
ma si viene ‘nterra te ciacco. 

34) Chiove e male tiempo fa,
 â casa ‘e ll'ate nmun è buono a stà.
 I’ me ne vaco e nun me ne curo
 ma tu cu ‘a pizza t’ ‘e cuotto ‘o culo. 

35) Di questa filastrocca esistono almeno due versioni. Ecco la prima:
Mò vene Natale,
 nun tengo denaro,
 me fummo na pippa
 e me vaco a cuccà.
 Quanno è stanotte
 ca sparano 'e botte
 me 'nfilo 'o cappotto
 e vaco a vedé.

36) Ed ecco la seconda:
Mò vene Natale,
nun tengo denaro,
me fummo na pippa
e me vaco a cuccà.
Quanno è stanotte
ca sparano 'e botte
me 'nfilo 'o cappotto
e vaco a vedé.

37) Monzù, monzù, monzù,
è ghiuta ‘a zoccola int’ ô rraù.
‘A signora nun ‘o vo’ cchiù,
magnatillo tutto tu!
Gina D’Amato mi ha ricordato stamattina quest’altra filastrocca. Aggiungo che “monzù” (dal francese monsieur) era un appellativo dato ai cuochi professionisti. 

38) Peppe 'a scuppetta
'o rasulo e 'a machinetta
spara 'o cannone
e Peppe 'o maccarone.

39) Ho ricostruito in buona parte, grazie alla collaborazione di un amico, questa strofetta, che contiene definizioni per lo più a dispetto degli abitanti della Costiera. Non so neppure se è corretta. C'è qualcuno che ne sa più di me e può aiutarmi a riscriverla in modo più preciso?
So’ piscature ‘e cetarese,
sciavecàre ‘e maiurese,
pastàre ‘e menurese,
jettacàntere ‘e ‘tranise,
attizzalìte ‘e ‘marfitane,
marenare ‘e conchese,
secacorne ‘e furorese,
belluline fanno a Praiano e Pusitano.

40) Suonno, suonno, viene ca t’aspetto,
 comme Maria aspettava  a San Giuseppe;
 a San Giuseppe mio, lo vecchiotto,
porta lo suonno sotto a lo cappotto;
a San Giuseppe mio, lo vecchiarello,
porta lo suonno sotto a lo mantiello.

41) Tazze e piattine,
bona serata a ‘sti signure,
piattine e tazze
i’ ve saluto e bonanotte
ô cazzo.

42) Vaccarella piccerella
‘o vvì lloco ‘o sanghe tujo
Oh mamma mea!
Gina D’Amato ricorda che, quando ragazzi andavamo ad assistere al crudele della macellazione nel vecchio macello di Amalfi, sulla via delle cartiere, aggrappati alle finestrelle che, dalla strada,  affacciavano in quello scantinato, intonavamo questa filastrocca, come viatico alle povere bestie. Lavoravano in quel macello 'O moccuso e, se non sbaglio, Nanà. I sofferenti di anemia andavano lì con un bicchiere, che veniva riempito di sangue ancora caldo. Lo bevevano all'istante. A quel tempo le malattie si curavano così. Gaetano Afeltra, in un racconto, descrive la scena in tutti i suoi dettagli, strofetta compresa.

(per adesso, fine)

© ricerca di Sigismondo Nastri








Nessun commento:

Posta un commento